Il viaggio e le mete

Il viaggio

Il viaggio - il tempo cioè che si impiega per raggiungere il paese di destinazione - è l'elemento simbolo di tutto il processo migratorio, del distacco da un "prima" - conosciuto e amato, benché insoddisfacente - per raggiungere un "dopo" - sicuramente attraente ma quasi del tutto ignoto. E' un tempo difficile da vivere come le svolte che contano nella vita di ognuno.
Si parte a piedi, in treno, con piroscafi lenti o con veloci transatlantici, infine in aereo.
Si parte, in prevalenza, da alcuni porti italiani. E' Genova a gestire, sin dall'epoca preunitaria, il maggior traffico migratorio. Più tardi, con la meridionalizzazione del flusso e la scelta preferenziale del Nord America, sarà Napoli ad avere il primato delle partenze. A molta distanza seguono Palermo e, dopo la fine della Prima guerra mondiale, Trieste. Le partenze da paesi esteri vedono al primo posto il porto francese di Le Havre.

Copertina dell’opuscolo, edito nel 1901 dalla Navigazione Generale Italiana, con informazioni per i passeggeri