Personaggi

Anthony Fauci, medico e scienziato di origini italiane, è salito alla ribalta delle cronache internazionali nel corso dell'emergenza pandemia da Covid 19 perché da uomo di scienza e in qualità di uno dei principali consiglieri ed esperti in campo medico per la Casa Bianca, si è permesso di criticare, neanche tanto velatamente, l'atteggiamento del presidente Trump incline ad allentare le misure di distanziamento sociale a favore di una ripresa in tempi brevi dell'economia americana, anch'essa messa in ginocchio dalla pandemia, come del resto tutte le economie del principali Paesi industriali.

Al momento in cui scriviamo il destino del dottor Fauci come consigliere della Casa Bianca è in bilico: c'è chi lo vuol giubilare perché di ostacolo o scomodo in questa situazione di emergenza, e chi crede in lui visto che ha lavorato al fianco di ben sei amministrazioni americane con diverse comunità scientifiche che si sono idealmente schierate al suo fianco. Idealmente appunto...

Anthony Fauci è nato nel 1940 a New York da genitori farmacisti. I nonni paterni, Antonino Fauci e Calogera Guardino, erano originari di Sciacca in Sicilia mentre la nonna materna era napoletana e il nonno materno di Atripalda, in provincia di Avellino.

Dopo aver frequentato una prestigiosa scuola superiore privata cattolica a New York, si è laureato prima in Lettere classiche poi in Medicina. Nel 1968 fu ammesso al National Institutes of Health come ricercatore clinico nel Laboratori of clinical Investigation dello Niaid, mentre nel 1974 fu nominato a capo della Clinical Physiology section e, nel 1980, alla guida del Laboratory of immunoregulation, carica che detiene ancora.

Immunologo di fama mondiale, membro della National Academy of Science e di altre accademie americane e di molte associazioni professionali, Fauci ha scritto e scrive per numerose riviste medico-scientifiche ed ha al suo attivo più di mille pubblicazioni scientifiche, tra cui anche molti libri di testo.

Recentemente Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma, come scrive 'Repubblica', ha lanciato un appello.

"Abbiamo bisogno della leadership di Fauci, negli Usa o altrove - afferma Ippolito - e ci auguriamo che le notizie emerse (del licenziamento di Fauci - ndr) non siano vere, e che il presidente Trump non voglia privarsi dell'apporto di un uomo integro e di uno scienziato di eccezionale valore che ha dedicato la propria vita professionale al servizio della sanità pubblica del suo Paese e di tutto il mondo".